dna |  focus on |  pedemontana 2019 |  progetti |  newsletter |  contatti
 
Newsletter
Per informazioni sui nostri progetti e notizie sugli eventi che promuoviamo lascia i tuoi dati
 
 
DEDICATO A GIUSTO PIO
Fondazione Villa Benzi Zecchini celebra il Maestro trevigiano




Buon Compleanno Giusto Pio!

Al Maestro trevigiano, che l’11 gennaio 2011 compirà 85 anni, Fondazione Villa Benzi Zecchini dedica un intenso programma: tre concerti, una mostra, la pubblicazione di un libro e di un cd inedito raccontano la sua esperienza umana e creativa, non solo attraverso le opere ma anche con il contributo di chi ha conosciuto e collaborato con l’autore e a lui si è ispirato. 

Così dall’11 al 30 gennaio entrare tra gli spazi della villa seicentesca a Caerano di San Marco è un’occasione per incontrare da vicino Giusto Pio, assieme agli amici più cari. Franco Battiato, Alice, Francesco Messina, Romano Abate, Milo Bianca, Angelo Gatto, Bruno Gripari, sono solo alcuni degli artisti invitati a comporre un affettuoso omaggio proprio il giorno del suo compleanno.

Realizzato in collaborazione con Veneto Banca, con il patrocinio della Regione Veneto, della Provincia di Treviso e la Provincia di Belluno, il progetto viaggia nei luoghi di Giusto Pio e vicini alla sua arte, parte da Caerano per coinvolgere anche i Comuni di Montebelluna e Castelfranco Veneto, la città natale dove Giusto Pio tutt’oggi vive e lavora.

 

Violinista nell’Orchestra Rai per oltre 30 anni, ha suonato con i maggiori musicisti e direttori d’orchestra del ’900. Compositore, sperimentatore costante e silenzioso, è conosciuto al grande pubblico per le collaborazioni con alcuni tra gli artisti più importanti della scena musicale italiana. Su tutti Franco Battiato, con cui ha instaurato un sodalizio artistico e umano che lo ha portato a nuovi traguardi nei campi della musica leggera e d’avanguardia.

“Dal 1977 al 1992 e oltre, anche dopo il mio ritorno a Castelfranco – scrive Giusto Pio - si può dire che la mia vita si intreccia, si identifica, si confonde con quella di Battiato nella composizione e nell’orchestrazione delle canzoni, nei progetti dei dischi, nelle registrazioni, nei concerti e nelle tournèes (…) Sicchè Franco mi è figlio e padre, amico e fratello, è parte di me, e la migliore”.

“Una collaborazione ventennale, di una superlativa e indimenticabile avventura” è il pensiero del cantautore siciliano: tutti i suoi dischi, da Juke box (1978) ad Umprotected (1994) vedono il nome di Giusto Pio, tra i suoi musicisti fissi e imprescindibili.

Sempre accanto a Battiato firma musiche e arrangiamenti di alcuni tra i più importanti successi musicali interpretati da voci straordinarie quali Alice (Per Elisa di Alice vince il Festival di Sanremo 1981), Giuni Russo (Un’estate al mare, L’addio, Lettera al Governatore della Libia) e Milva (Poggibonsi, Alexander Platz, No Time No Space) contribuendo a disegnare una stagione indimenticabile della musica italiana.

 

Fondazione Villa Benzi Zecchini raccoglie questo patrimonio e consolida una collaborazione che la unisce a Giusto Pio da oltre dieci anni. E’ del 2000 la realizzazione del Poema Sinfonico Elettronico, inciso in occasione del progetto Le Vie dell’Oro, mentre è del 2003 la proiezione in prima assoluta dell’opera multimediale Isaia 6, 9-10 durante l’evento Le Mille e una Notte, che ha trasformato gli spazi della villa in una sorta di caravanserraglio aperto alla creazione e all’incontro tra pubblico e artisti. Seguendo questo filo conduttore, la Fondazione inaugura la nuova stagione culturale riunendo molte delle voci e dei testimoni che hanno accompagnato questi progetti.


dedicato a Giusto Pio - programma
Il programma si apre l’11 gennaio alle 18.30 con l’inaugurazione della mostra, un percorso nella vita del Maestro, così come tra le sale di Villa Benzi, passando attraverso i suoi quadri, le sue opere multimediali e le collaborazioni con artisti a lui più affini.

Le sculture di Romano Abate, i dipinti di Milo Bianca e Angelo Gatto ispirati alle opere di Giusto Pio, gli stendardi composti per la Missa Populi e le calligrafie dell’artista italo-francese Bruno Gripari, e ancora dischi, fotografie e le sale d’ascolto, riflettono lo scambio sempre vivo tra storia, musica e immagini che ha animato l’esperienza del Maestro.

 

Sarà il Teatro Accademico di Castelfranco Veneto ad ospitare giovedì 20 gennaio (ore 20.30) la presentazione del libro bio-fotografico Dedicato a Giusto Pio, curato da Angelo Zanellato, giornalista, critico letterario e cinematografico, il progetto grafico è firmato da Giampaolo Allocco di Delineodesign.

Proposto in collaborazione con Arca Cna, l’incontro è un’occasione per ripercorrere 85 anni di vita, dall’infanzia a Castelfranco Veneto agli studi al Conservatorio assieme a Malipiero, passando per la Resistenza, la Milano degli anni Cinquanta e arrivare agli incontri con artisti straordinari. Un racconto in presa diretta fatto di parole e immagini inedite, arricchito dalle preziose testimonianze di amici e colleghi e dalla registrazione dell’ultima opera di Giusto Pio. Presentata in un cd inedito, la composizione Dolomiti Suite, eseguita dalla Nuova Banda di Castelfranco Veneto, sancisce il legame del Maestro con la sua terra d’origine, un’ode alle montagne che egli ama, già proposta come Inno alle Dolomiti, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

 

Il mese dedicato al Maestro propone tre concerti per scoprire la sua produzione, concentrata, negli ultimi anni, attorno ad un’originale sintesi tra musica elettronica e musica sacra.

Si parte sabato 22 gennaio nella suggestiva atmosfera della Chiesa di Santa Maria in Colle a Montebelluna dove Il Coro di Giavenale diretto dal Maestro Piedino Tisato esegue la Missa Populi, la composizione a carattere sacro più significativa del Maestro. Incisa nel 1995, celebra l’incontro tra le sonorità della voce umana e la strumentazione contemporanea. 

 

Gli altri due concerti sono previsti al Teatro Maffioli di Villa Benzi. Sabato 29 gennaio, all’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana diretta da Diego Basso è affidato il compito di eseguire le musiche “leggere”, composte da Giusto Pio e Franco Battiato. Voglio vederti danzare, Prospettiva Newski, Up patriots to arm, Centro di gravità permanente, Bandiera bianca, Per Elisa sono solo alcuni dei capolavori proposti in questo viaggio all’interno delle “canzoni” del duo Battiato/Pio arrangiate e dirette dal maestro Basso.

 

Il programma si conclude domenica 30 gennaio con un concerto di musiche strumentali proposte dall’ensemble Baroque and Blue (Fabio Franco al flauto, Jeremy Norris al pianoforte, Daniele Carnio al contrabbasso, Simone Gerardo alla batteria) che ha spesso collaborato con il Maestro. Dalla sacralità di Motore Immobile all’ironia di Preludio e Morte del Solfeggio, l’appuntamento è un omaggio all’universo poliedrico di Giusto Pio.

 

 

Informazioni

Tutti gli appuntamenti in programma sono ad ingresso gratuito.

Fondazione Villa Benzi Zecchini

Via Montello 61 - Caerano di San Marco (TV) - Tel. 0423/650509 – www.villabenzizecchini.it


Ufficio stampa

Frontiere - tel. 0423614209 - press@frontiereprogetti.com


Scarica: dedicato_a_Giusto_Pio_COMUNICATO_E_PROGRAMMA_GENNAIO_2011.doc
Scarica: GIUSTO_PIO_NEL_SUO_STUDIO_foto_di_Diego_Landi.JPG
corso mazzini 46 . montebelluna tv . tel 0423 614209 .  P.I. 03172400263 - Web agency Active121 - strategia web